Tre domeniche d'inverno per ritrovarsi ad ascoltare, vicini, avvolti dal tepore delle parole,
dei canti che creano immaginari e pulsano di vita...
Si potrà venire anche dal pomeriggio per trascorrere un tempo tra le colline,
per una passeggiata o a leggere davanti al camino, sorseggiando un thè o un buon bicchiere di vino

POSTI LIMITATI - PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

22 ottobre h. 20,00
RITA
di e con Raffaella Giancipoli
disegno luci Tea Primiterra
assistente alla regia Bruno Soriato
consulenza linguistica Tommaso Scarimbolo e Katia Scarimbolo
Spettacolo finalista PREMIO SCENARIO 2007

12 novembre h. 20,00
PASSAGGI
di e con Ilaria Gelmi
con la collaborazione di Francesco Niccolini

17 dicembre h. 20,00
NATA DI MARZO
liberamente tratto dalla fiaba di Azzurrina
di e con Chiara Tabaroni

Una passeggiata tra le colline e gli alberi, per respirare, per pensare, per stare in ascolto...

Tra le ultime foglie d'autunno e il silenzio delle prime nebbie,
passi lenti, in ascolto, si posano sulla Terra.
La natura parla attraverso infinite voci,
nel canto remoto degli alberi, delle pietre,
mentre il cielo invernale si profila all'orizzonte.
Un lontanissimo cielo,
vertigine d'eternità ed estasi di finitudine,
ecco il fragile e possente dono che Simone de Beauvoir
ci porge attraverso le proprie Memorie di giovinezza.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

In caso di maltempo staremo nella sala con stufa a legna, e lì ascolteremo, immaginando ad occhi chiusi

A seguire merenda insieme davanti al camino.

CONTRIBUTO: 6 €