IL GIARDINO DELLE STORIE

“Un sasso gettato in uno stagno suscita onde concentriche
che si allargano sulla sua supercie, coinvolgendo
nel loro moto, a distanze diverse, con diversi eetti,
la ninfea e la canna, la barchetta di carta e il galleggiante
del pescatore.
Oggetti che se ne stavano ciascuno per conto proprio,
nella sua pace o nel suo sonno, sono come richiamati
in vita, obbligati a reagire, a entrare in rapporto tra
loro. […]
Non diversamente una parola, gettata nella mente a
caso, produce onde di supercie e di profondità,
provoca una serie innita di reazioni a catena, coinvolgendo nella sua caduta suoni e immagini, analogie e ricordi, signicati
e sogni, in un movimento che interessa l’esperienza e
la memoria, la fantasia e l’inconscio…”


(Gianni Rodari, Grammatica della fantasia)


Una bizzarra narratrice porterà bambini/e nel suo
giardino immaginario tra fiori e verdure, per raccontare
storie che fanno volare il cuore. Le parole si intrecciano
con suoni dal vivo e si rincorrono per coinvolgere
e far sognare i piccoli ascoltatori.

Alcune storie:
- Zucchina Reginella (da una fiaba emiliana)
- Il pentolone trotterellone
- Bene come il sale
- Maya la figlia del sole
- La notte scomparsa e il serpente
- I pani d'oro della vecchina
- Le streghe e i fichi
- Hansel e Gretel
- Il pentolino magico
- Il mondo in una goccia (da un mito indiano sulla
creazione del mondo)
- La piuma d’oro (liberamente tratto dalla fiaba russa
“L’uccello di fuoco”)

 

Modalità di svolgimento:
Esigenze tecniche: adattabili a qualsiasi contesto
Impianto audio e microfono ad archetto (se necessario)
Note: altre narrazioni teatrali possono essere richieste
e create ad hoc, a seconda del contesto.